Luoghi e accadimenti

La località è citata per la prima volta nell’anno 856: “… signum manus Donnoloni de Brembate”, che il prof. Testa ha individuato in Brembate Superiore. Nel marzo 867 è citata la frazione Arzenate.  Anticamente Brembate di Sopra faceva parte del Pagus Lemmini.

Maironi da Ponte così scriveva su Brembate di Sopra: “Nel luogo ove oggi si vede il palazzo Brembati, esistette un castello rinomato nelle guerre civili del XIII e XIV secolo”. Mentre della via Tresolzio: “ha un vecchio castello ridotto a luogo di delizia della illustre e nobile famiglia del Marchese Pietro Rota. Nelle sue contrade vi sono anche delle vecchie torri, le quali insieme col castello dimostrano quanta parte presero nelle frazioni civili del secolo XIII e XIV i suoi abitanti”.

Il 19 maggio 1229 il Colleoni ed i suoi seguaci in uno scontro armato battevano gli avversari sul Brembo, cagionando loro gravissime perdite.

Nell’agosto 1392 Tuzzano Rota, con truppe guelfe assale Brembate di Sopra saccheggiando l’abitato.

La pace ritornò nel 1427 sotto la protezione di Venezia.

Testo tratto dal libro “Brembate Sopra – storia antica, toponimi e regesto” scritto dal nostro concittadino e storico Prof. Mario Testa.
Riferimenti normativi:

  • R.D. n. 2351, 1.12.1927 – Unione dei comuni di Ponte San Pietro, Brembate di Sopra e Locate Bergamasco in un unico comune denominato “Ponte San Pietro”;
  • D.L. n. 102, 11.2.1948 – Ricostituzione del comune di Brembate di Sopra.